Vai al contenuto

Ispirare i giovani alla sostenibilità

Con il progetto di comunicazione “La plastica è cambiata, cambia idea sulla plastica”, Alpla, leader mondiale nella produzione di imballaggi in plastica innovativi, mira ad informare e sensibilizzare i consumatori sull’uso corretto di questo materiale e sfatare alcuni dei falsi miti che aleggiano sul PET e altre plastiche di uso corrente. Sono molte e varie le iniziative sviluppate in questi due anni a corredo di questo progetto.

Tra queste, quella che si è svolta recentemente nell’ambito della settimana dedicata alla Cultura d’Impresa promossa da Confindustria a livello nazionale, che ha visto coinvolti, su iniziativa di Alpla, gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo 1 di via Lago Maggiore a Frosinone.

L’iniziativa – che ha visto anche il coinvolgimento attivo di FabLab Frosinone APS, struttura no profit che opera in ambito di ricerca tecnica, sperimentazione e trasferimento delle conoscenze – si è posta l’obiettivo di stimolare la discussione tra i bambini per accrescerne la consapevolezza sui temi legati alla plastica, al suo corretto impiego e alla sostenibilità ambientale. Tecnici ed esperti del settore si sono messi a disposizione degli alunni, illustrando le varie tipologie di plastiche e le differenti fasi del loro ciclo di vita: produzione, lavorazione e trasformazione, utilizzo e, infine, riciclo.

A queste sessioni informative ne sono seguite delle pratiche, che hanno coinvolto i bambini in attività manuali finalizzate alla realizzazione di manufatti in materiale plastico. Una volta suddivise le plastiche fornite da Alpla in vari colori e sfumature, i bambini hanno creato le loro opere d’arte, dando sfogo alla creatività e prendendo ispirazione da alcuni quadri di autori famosi – come Van Gogh, Keith Haring e altri – accomunati da un uso dei colori e da stili grafici molto personali e accattivanti.

“Siamo convinti che la sensibilizzazione ai temi della sostenibilità, della corretta raccolta differenziata e del riciclo della plastica debba entrare a far parte dell’educazione scolastica – afferma Tiziano Andreini, Amministratore Delegato Alpla –. Questo per due ragioni: la prima per far crescere le nuove generazioni con un innato senso di responsabilità sociale verso l’ambiente e la seconda perché, veicolando questi messaggi all’interno del nucleo familiare contribuiranno oggi a dar vita e a perpetrare a quel cambiamento di abitudini che viene richiesto a ognuno di noi”.

Quella realizzata presso la scuola primaria dell’Istituto Comprensivo 1 di via Lago Maggiore a Frosinone non è l’unica iniziativa che Alpla, nell’ambito del progetto “La plastica è cambiata, cambia idea sulla plastica”, sta portando avanti. Sono previste analoghe iniziative dedicate alla scuola primaria in altri plessi scolastici, così come sono in corso di organizzazione altri analoghi momenti che vedranno prossimamente coinvolti gli studenti degli istituti di livello superiore. Anche in questo caso la narrazione avverrà attraverso attività artistiche ed espressive, che hanno il duplice obiettivo di consolidare la cultura della sostenibilità e di continuare a diffonderla a chi, presto, rappresenterà la prossima generazione di consumatori.

Il progetto

“La plastica è cambiata, cambia idea sulla plastica” nasce con l’obiettivo di sfatare i luoghi comuni sulla plastica e portare a conoscenza di come la ricerca e sviluppo e l’applicazione di best practices di economia circolare stiano sostanzialmente cambiando l’impatto che questo materiale ha sull’ambiente.

Alla base del progetto vi è la consapevolezza di come un uso sostenibile ed ecologicamente consapevole
delle risorse, in questo caso della plastica e degli imballaggi plastici, che negli anni si sono evoluti a livello di materiali e tecnologie produttive, costituisca il fondamento per assicurare che le generazioni future possano vivere in un ambiente sano e sempre più evoluto dal punto di vista del benessere sociale e individuale.

La plastica è cambiata, cambia idea sulla plastica” è un progetto supportato da ALPLA, tra i principali produttori mondiali di imballaggi in plastica innovativi.


read on • Stampare magazinen. 11 • 2023